Sposa Monamour Couture

Make-up da sposa, le regole del trucco per il grande giorno

Il trucco sposa ha le sue regole auree, che puntano ad esaltare la naturale bellezza della donna senza particolari artifici

 

c88b5f97-081a-40de-926e-7f67321f8c6b

 

Il make-up da sposa, almeno sulla carta, è diverso dagli altri tipi di maquillage. Anche se è la nubenda a dettare legge sulla parte beauty, richiedendo quello che la fa sentire più a suo agio e più bella all’estetista, ci sono regole universali che normalmente accompagnano il trucco per il grande giorno.

Come detto, la sposa ha sempre e comunque libertà di azione, perciò se ci sono esigenze particolari, come un matrimonio a tema in cui serve un make-up particolare, o semplicemente la dolce donzella si è infatuata del beauty look di una star e lo vuole replicato esattamente su di lei, qualunque altro diktat decade.

Se invece la nubenda si affida alla sua make-up artist e si fida dei comandamenti aurei che ruotano attorno al trucco da sposa, il discorso cambia. Per andare all’altare o dinanzi al sindaco per scambiarsi gli anelli, bisognerebbe infatti assecondare la tendenza flawless, ossia il maquillage che c’è ma non si vede.

Make-up sposa, w la bellezza naturale

Il make-up da matrimonio esige infatti che venga esaltata la bellezza naturale della donna, andando a valorizzare in modo sobrio ed elegante i tratti somatici e non a coprire. Per farlo è ovviamente necessario che il truccatore faccia la sua magia tendendo conto dell’età della sposa: più giovane è e meno artifici saranno richiesti.

Una pelle matura avrà invece bisogno di un po’ di cura in più, scegliendo fondotinta e correttori col giusto grado di coprenza e dalla texture giusta (sì ai liquidi e no alle polveri, che tendono a marcare i segni del tempo). Ben trovati anche ai primer siliconici, da usare per dare un effetto riempitivo e attenuare le eventuali zampe di gallina.

Sì anche ai primer opacizzanti, qualora la pelle fosse mista o grassa e sì anche a quelli illuminanti per dare un po’ di tono all’epidermide spenta.

Il contouring per il grande giorno, sobrio ed elegante

Altro giro altra regola: sì al contouring purché impercettibile. Per valorizzare zigomi e nascondere un mento troppo pronunciato, ben venga all’uso di terra e illuminante per un gioco di luce e ombre che risalta il viso. Però attenzione a non esagerare, perché l’effetto maschera (leggi fra le righe “Kim Kardashian” e sorelle) è sempre dietro l’angolo.

Niente eccessi nel trucco sposa, ma sì ai cosmetici furbi

Parlando di colori, perfette le tinte pastello per il trucco occhi, qualora non si volesse puntare sul classico marrone e oro o avorio, mentre per le labbra va decisamente ricercato l’effetto nude, con rossetti e lip gloss che diano solo un accenno di colore senza essere invasivi.

Ciglia finte? Se non troppo marcate vanno benissimo, ma volendo evitare si può optare per del mascara volumizzante a lunga tenuta. Proprio a quest’ultimo proposito, per far durare il trucco a lungo, sì a cosmetici dai ritocchi facili e che non sbavano, così da essere sempre perfette per le foto di rito. Anche i selfie alla fine della serata con parenti, amiche e ovviamente marito.

0 Comments

Leave A Reply